Sep 23

Se fossi…

Ieri mattina durante il consueto tragitto di 1 ora , 1 ora e mezza per arrivare a Milano, mentre pregavo la fatina buona del pendolare, di scagliare un fulmine contro l’autista del bus che, deluso di non essere diventato pilota di Formula 1 o quanto meno di Go-Kart,  sfrecciava alla massima velocità consentita dalla “corriera” ascoltando Disco Radio a tutto volume, ho fatto un sogno.

Un sogno ricorrente a dire la verità. Un sogno ricorrente ad occhi aperti per essere precisi.

Quando il mio livello di ansia, inquietudine e stracciamento di maroni, sta per raggiungere il CODICE ROSSO, immagino (come consigliato da parecchi manuali di self help e anche da Rob Brezsny in svariate occasioni) di guadagnare improvvisamente milioni di euro e mi do da fare per decidere come gestirli (sono pur sempre una fanatica della pianificazione).

Come sempre mi sono chiesta come avrei impiegato il mio tempo nel caso in cui non avessi avuto più bisogno di lavorare per vivere, la risposta è stata fulminea: farei la fotografa a tempo pieno.

Ora voi direte: che cosa nuova ci stai raccontando! Non avremmo mai immaginato che volessi fare la fotografa… ci stai assillando con questa storia da almeno un anno per Diana!

Lo so, ma forse non ci siamo capiti.

Sto dicendo che anche se avessi milioni di euro, quel che vorrei fare (a parte girare il mondo, comprare una barca a vela, la fabbrica degli m&m’s e la casa di Higgins) è fotografare.

Pensateci, voi cosa vorreste fare?

Ci avete pensato?

Bene, quel che avete pensato, probabilmente è l’unica cosa che (milioni di euro o no) siete nati per fare.

Vale la pena provarci, o no?

Andiamo a dedicarci alle nostre passioni.

Buon fine settimana a tutti

LN



  1. photoweblog posted this